e tacque il Piave ...

Magritte_La_Grande_GuerraUn frammento del canto al Piave denomina questo spazio riservato alle iniziative che la Soprintendenza archivistica o altri soggetti dedicheranno nei prossimi anni alle celebrazioni per il

Centenario della Prima Guerra Mondiale.

Il logo attuale, ispirato alla serie "La Grande Guerra" di Magritte, verrà più volte sostituito da altre immagini-simbolo di quell'evento, che vorremmo fossero suggerite dai nostri lettori. Apriamo quindi un concorso di idee, da comunicare agli indirizzi indicati nei contatti o anche attraverso la nostra pagina Facebook.

Il primo conflitto nella storia dell'umanità ad aver assunto dimensioni mondiali fu per vincitori e vinti fu una tragedia immane, da cui l'Europa uscì distrutta e il mondo intero travolto da epocali cambiamenti.

A descriverne con immediatezza le proporzioni bastano le cifre: tra il 28 luglio 1914 (per l'Italia il 23 maggio 1915) e l'11 novembre 1918, gli Stati coinvolti mobilitarono complessivamente 70 milioni di uomini, 9 milioni dei quali caddero in azioni militari o finirono mutilati, spesso gravemente. Circa 7 milioni furono le vittime civili, causate dalle operazioni belliche o dalle epidemie che dalla guerra derivarono.

Le truppe italiane furono impegnate contro quelle austro-ungariche su un fronte che si dipanava nell'Italia nord orientale, lungo altopiani carsici, cime alpine e corsi fluviali. Gli scontri più sanguinosi avvennero sulle sponde dell'Isonzo e del Piave, "l'alleato" dei nostri fanti dal primo passaggio alla loro ultima offensiva, dopo la quale poté placare le sue onde, tacere e diventare leggenda.

La Leggenda del Piave, di Ermete G. Gaeta, pare sia stato inno italiano dal 1946 al '47.

Link al testo completo della Canzone del Piave 

 

Calendario manifestazioni

 

 

Segnaliamo questo interessante sito: 14-18 documenti e immagini della grande guerra

 

 

Sitografia Grande Guerra

Con l'avvio del Progetto Grande Guerra l'ICCD (Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione del MiBACT) è stato trasmesso a tutti gli Istituti territoriali un questionario nel quale si richiedevano informazioni circa i siti relativi al Primo Conflitto mondiale inerenti al territorio di pertinenza di ciascuna Soprintendenza, con particolare riferimento a catalogazioni già effettuate dei monumenti ai caduti.

Le informazioni pervenute sono state raccolte e ordinate per territorio, con l'indicazione dell'indirizzo web e una breve descrizione delle caratteristiche del sito. 

Ulteriori comunicazione di altri siti inerenti la tematica in oggetto possono essere inviati direttamente all'indirizzo ic-cd.grandeguerra@beniculturali.it o anche all'indirizzo della Soprintendenza archivistica per la Sardegna, che li
trasmetterà all'ICCD.

 

 

 

Iniziative diverse

In occasione del centenario della Prima Guerra Mondiale, l'amministrazione comunale di Villamassargia ha svolto un'approfondita ricerca nel proprio archivio storico per individuare i documenti che meglio rappresentano il coinvolgimento del paese nel drammatico evento. Le interessanti testimonianze documentarie sono pubblicate nel sito
istituzionale del municipio, all'indirizzo
http://egov3.halleysardegna.com/villamassargia/zf/index.php/servizi-aggiuntivi/index/index/idservizio/20009



 

 

Cinque per mille   Le App del Ministero 

 Domenica al museo

Ogni prima domenica del mese ingresso
GRATUITO in tutti i luoghi
della cultura statali

 

 

 


Soprintendenza Archivistica della Sardegna
Via Marche 17  09127 Cagliari
Tel.  070 401610   Fax 070 401920
Cod.fisc. 80006410924
e-mail: sa-sar@beniculturali.it
pec: mbac-sa-sar@mailcert.beniculturali.it 
 Ministero   


© 2011-2014 MiBACT - Soprintendenza Archivistica della Sardegna - ∞ - Crediti | Note legali | Gestione dei cookie

pagina creata il 25/03/2014, ultima modifica 24/03/2016